lunedì 5 marzo 2012

Alessandra, le rughe e Nivea: storie di cianfrusaglie

Il testing mette a dura prova. Pone di fronte a degli aspetti di se stessi che mai, mai!, si potevano immaginare. Come l’altra sera, quando – in piedi davanti allo specchio – ho realizzato che il mio viso è come una soffitta piena di cianfrusaglie. Fieri cipigli impigliati tra le sopracciglia, perplessità parallele abbandonate sulla fronte, parentesi tonde incastrate ai lati della bocca, ventagli sorridenti appesi agli angoli degli occhi e – orrore orrore – righe pensierose che s’irradiano come punti esclamativi sul labbro superiore…

L’ammetto, sono miope-fortemente-miope-quasi-talpa, quindi i miei occhi nudi (privi di lenti correttive) sono più efficaci di un microscopio ultimo modello. La madre dice che le mie sono "righe d’espressione" e non rughe di vecchiaia, e che la mia spessa pelle ereditata dal padre sarà la mia salvezza. Assieme all’uso costante di creme antirughe da spalmare quotidianamente sul mio visino, “Perché ormai È ORA”.


Per tutti questi motivi – testing, soffitta, madre, spavento – mi accingo a provare sulla mia pelle (è il caso di dirlo) le creme antirughe di Nivea Visage: appena sveglia la Giorno sul contorno occhi e bocca, prima dell’idratante; e all’ora di andare a dormire la Notte, quella che spicca fra tutte per il suo tappo blu.
“Usata quotidianamente,la Crema Antirughe Pure & Natural garantisce un’efficace azione antirughe” dice Nivea, perché “stimola la naturale produzione di collagene della pelle grazie all’estratto di bardana, riempie le rughe dall’interno, dona alla pelle un aspetto più giovane”. Proprio quel che fa per me.

Noto che sulla confezione è riportata pure una linea del tempo. Incuriosita guardo meglio: si tratta dell’età consigliata per incominciare a usare l’antirughe, i 30 anni! Questa accortezza mi piace per due motivi: è un’indicazione utile per chiunque voglia prendersi cura di sé e, soprattutto, ho superato i trenta da un pezzo, quindi sono in ritardo rispetto alla media nazionale (tiè)!

Stasera ne ho già spalmata una dose cospicua, massaggiando e picchiettando con dovizia le “cianfrusaglie”; forse ho esagerato un pochino, ho steso la crema come se volessi proteggermi con uno scudo chiodato dal passaggio beffardo del tempo – ma, nonostante questo, si è assorbita parecchio, lasciando la pelle piacevolmente vellutata.
In poche parole, mi affido all’olio di argan e all’estratto di bardana, aspettando fiduciosa che facciano effetto.

Continua…

8 commenti:

  1. Fantastiche foto e che dire del testo? Sei proprio in gamba come tester! (come persona già lo sapevamo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh, grazie!! <3 le foto in primo piano - ma non troppo perché urca se si vedono bene le cianfrusaglie - han rischiato d'esser tutte mosse: il marito rideva e non la smetteva!

      Elimina
  2. Mi stai convincendo a usare la crema notte, anch'io ormai ho superato i 30! Bellissime le tue foto Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piera (grazie <3), sono davvero delle creme a modo: mantengono le loro promesse :-)

      Elimina
  3. Ale sei bellissima!!! anche mia mamma insiste con le rughe di espressione...
    vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quel tocco un po' alla Dalì ;-) siam tipe espressive, Vale, ci piace la vita!

      Elimina
  4. brava e simpatica!! devo provare....le mie rughe aumentano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. provala, Gabry! poi dimmi il risultato :)

      Elimina